Ancora sull’Italia-compost

Leggo sempre più spesso sul web di gente incacchiata nera con questo paese, con la gente che ci dimora. Beh, ha ragione anche chi dice che i politici in realtà non sono peggio di chi li vota, sicuramente. Peccato però , perchè da un politico minimamente serio e decente mi attenderei che fosse molto molto meglio del popolo, mi aspetterei che guardasse molto più lontano, a lungo termine, e non al breve. Ma questa mi sa che è una gretta abitudine italica.

Dicevo del compost, della gente che si lamenta: spesso parlano meglio le parole degkli altri che le proprie, ecco pertanto un piccolo sfogo dell’amica Cristina

Lo sapete quali sono per me i sintomi che tutto sta andando a puttane? quando leggi queste cose su uno dei principali quatidiani nazionali:PalermoProfessionista ed uxoricida nel 2003 se la cava con solo 2 giorni di prigione. Il giudice concede tutte le attenuanti esentenzia: 6 anni (contro i 14 richiesti dal PM). 3 li cancella l’indulto,ne restano altri 3 che è il tetto di pena per il quale è possibilechiedere l’afffidamento ai servizi sociali (richiesta accettata)..quindievitata la galera per il reo ammanicato professionistaMilanoDue extracomunitarie rubano shampo, dentrifici e spazzolini ( valore merce 62 euro) in un supermercato, prese in flagranza di reatoarrestate,processate e condannate a 2 anni come come condanna esemplare alfine di intimidire i continui ladruncoli che vivacchiano nei centricommerciali..Quando ti rendi conto che le parsone -ALCUNE persone- ti squadrano dalla testa ai piedi solo  solo per il colore dei capelli (che nel mio caso e’ comunque comprensibile), e gli sembri ancora piu’ strana se solo ti azzardi a dire che non hai la minima idea di chi abbia visto Missitalia, o che non sai assolutamente chi sia su quale isola, famosa o meno. Io ricordo invece il gusto di gelato preferito di una settantina di amici carissimi, questo pero’ non conta, benche’ sia molto piu’ facile e possibile andare a prendere una coppa di crema e buontalenti con gli amici piuttosto che portare a spasso missitalia o un "famoso". Tutti fanno un gran parlare di Grillo, ma quanti in realta’ hanno la piu’ pallida idea di che cosa egli "professi" in realta’? Ma di certo sara’ piu’ interessante sapere quale sia il 4° aiuto al "milionario".E’ davvero una situazione meschina quando un uomo uccide la moglie ed ha mille attenuanti e invece un furto di 60 euro di roba deve meritare una condanna esemplare, di monito futuro ecc ecc. Le persone sono esasperate della stupidaggini e non si rendono conto che spesso quando ti dicano di girarti a guardare il treno che passa in realta’ lo fanno, per usare un francesismo, per incularti con un palo della luce! Essere esasperati e’ lecito ed e’ giusto incazzarsi, ma bisognerebbe mantenre un minimo di contatto con la realta’; l’altro giorno mi son ritrovata a giustificarmi con una persona che conosco e che mi conosce perche’ mi son fermata colla macchina a mettere il mio solito bigliettino sotto il tergicristallo di quegli stronzi (Oh! e c’ho i nonni francesi, insomma!)  che parcheggiano senza diritto nei posti dei disabili. Ebbene, io mi ci arrabbio se qualcuno mi dice: perche’ tu lo fai? tanto fanno tutti cosi’… tutti parcheggiano al posto dei disabili, tanto si potra’ capire quanti disabili dovranno veni’ qui colla macchina oggi!… queste  son le cose che mi fanno andare in bestia… non il mio non sapere dove cazzo si trova un isola con dei volontari isolati li… perche’ nessun disabile s’e’ offerto volontario per esser come gl’e’. Nessun ladruncolo di sciampi pensa che la fara’ franca a vita, me tutti ii dirigenti coi loro bei falsinbilanci hanno pronta una o due scappatoie. E quelli che uccidano le mogli hanno comunque tutte le attenuanti.

Mugello

La maratona del Mugello è una piccola maratona a misura d’uomo, in una terra bellissima. E’ generalmente caldo ma sabato scorso c’era un venticello che raffrescava un poco, e un cielo e colori tersissimi

però, dico un bah!

era la giornata giusta per un lungo di 42Km, non c’è storia. Ma, un pochino affaticato dalla gara di Volterra di domenica scorsa ho deciso di limitarmi al traguardo intermedio. Mi mangio un pochino le mani perchè  una maratona vallonata come questa sarebbe stata un’ottimo allenamento in vista dell’Eco del Chianti. Vabbè, pace, l’importante è essermi divertito… e aver abbassato di 2 minuti il tempo degli ultimi 2 anni, segno che la forma sta arrivando, dato che poi non ho neanche forzato più di tanto.

altimetria

vista aerea

http://img220.imageshack.us/img220/6638/mugelloaereayb6.jpg

Il passato è una terra straniera, di G. Carofiglio

Scrivo qualcosa sui tanti libri letti quest’estate. Inizio con questo del celebrato (e da me molto apprezzato) Gianrico Carofiglio (per gli ignoranti, http://it.wikipedia.org/wiki/Gianrico_Carofiglio)

Lo conoscevo per i libri legal-thriller sull’avvocato Guerrieri, questo l’avevo comprato per scommessa salvo scoprire che aveva vinto il Bancarella… dopo averlo letto. Un libro eccellente, scritto divinamente: una storia torbida, fumosa, di un giovane di buona famiglia e buoni studi di diritto che, conosciuto un amico baro con la passione delle carte e di una vita che è tutta una scommessa, si lascia prendere da una vita che prima riteneva lontana anni luce. A parte il tema classico, sul fatto che in ognuno di noi è presente un altro forse a noi sconosciuto capace di cose che riteniamo apparentemente lontane da noi, dicevo a parte ciò l’opera ti prende, ti appassiona, non si sa dove andrà a parare perchè da certe vicende che travolgono ci si può aspettare di tutto, dalla tragedia al ritorno alla normalità. Il protagonista scopre così un lato oscuro di sè stesso, ed è questa consapevole e desiderata estraniazione rispetto al proprio precedente essere che cattura il lettore. Il romanzo, dopo il suo zenit raggiunto col viaggio a Valencia, cala un pò nel finale forse, ma senza perdere il filo e senza sembrare raffazzonato. Opera magistrale , Carofiglio indubbiamente una gran penna. Consigliatissimo

La rivincita

Oggi mi sono tolto un peso. 10 anni fa finì praticamente la prima fasedella mia carriera podistica, con la stessa gara che ho corso stamattina.Fu una giornata calda, avevo dormito 3 ore scarse, ero poco allenato e misopravvalutavo. Dopo aver tenuto un ritmo allegro per i primi 2/3 dicorsa, giunsi all’inizio della salita che porta alla meravigliosa Volterracotto, sfinito. Un barlume di ragione mi fece pensare al ritiro macontinuai e i Km finali di salita dura furono un calvario, camminatitutti, senza più energie. Giunsi stremato nel corpo e nella mente, dopopochi giorni mi infortunai seriamente a un tendine di achille, ci fu uncalo di motivazioni, impegni universitari e di lavoro mi tolsero ognivoglia di correre per 2-3 anni durante i quali mi ritirai a una tranquillavita da saltuario jogger. 10 anni dopo, oggi: la rivincita.Da San Gimignano si parte con una breve discesa seguita da una lungasalita comunque molto dolce che porta fino alla metà gara. Si entra nellosterrato, si scende a capofitto in mezzo ai campi e ai boschi. Faabbastanza caldo nonostante il cielo coperto, ma soprattutto la fortissimaumidità costringe a bere continuamente.Al 22° Km inizia la salita finale, 5 Km abbondanti con 400 metri didislivello. Accorcio il passo e provo a salire forzando, reagisco bene hoancora energie. La salita è durissima costantemente tra il 4 e il 10%, nonla ricordavo così ma riesco ugualmente a spingere bene anche se ormaiaffaticato. Raccolgo molti incauti per strada che avevano deciso per unatattica suicida. Costeggio le tombe etrusche, passo sotto l’antica portaetrusca, è il segnale che manca solo 1km alla fine e riesco ad accelerarealla grande. Chiudo bene in 2h19′, assetatissimo ma non stremato, ho vinto la sfida conme stesso di 10 anni più giovane, dandomi un distacco di quasi mezz’ora. Chiudo con un commento sulla gara: stupenda, in una delle zone più belle efascinose di Toscana, tra 2 paesi straricchissimi di arte e storia.quest’anno direi anche molto ben organizzata, peccato non ci siano lerisorse per fare di questa una classica a livello nazionale, cheattirerebbe podisti-turisti in quantità.

Altimetria

http://img406.imageshack.us/img406/4894/volterraaltimetriauy9.jpg

Traccia GPS

http://www.giscover.com/tours/tour/display/4090

Vista aerea da GoogleEarth

http://img267.imageshack.us/img267/7359/volterragoogleel4.jpg

Compost e altro

Oggi durante un paio di orette di brillante allenamento nei boschi riflettevo sull’essere e il divenire come spesso mi accade. Ho letto ieri con piacere l’ultimo numero di Giap, la newsletter dei Wu Ming. A parte la citazione della recensione a caldo di questo libro – wow! qualcuno legge questo blog! – mi ha colpito molto l’incipit del numero di Giap: una riflessione sullo stato di questo paese

" ‘Sto tossico compost di cetomediume vigliacco, eterna piccola borghesia razzista, massa omologata individualista annegata nell’abitudine, base sociale d’ogni fascismo e fascismetto, merda che olezza di merda… Questa ex-sinistra ormai sub-destra che, anziché muovere guerra alla povertà, muove guerra direttamente ai poveri e lo fa perché li odia, i poveri, li odia biliosamente, dal profondo delle budelle, prova ribrezzo per i poveri, perché puzzano, sono d’intralcio, sono pre-moderni, questa ex-sinistra dei vigili coi tonfa, questa ex-sinistra in piena "modenizzazione" (non è un refuso) che firma per aprire i CPT anziché per chiuderli, che rincorre e afferra al lazo gli istinti più ferini e prevaricatori, che fa l’apologia criminogena della roba, gli sghei, e in cambio di un voto "moderato" che non esiste (che significa essere "moderati"? Essere un po’ contro le unioni civili? Essere moderatamente contro l’eutanasia? Essere al 50% come Schifani?) vende "sicurezza" a chi è già al sicuro, al contempo deturpando la vita e la dignità di chi campa appeso a un filo"

….e ancora….

"….lavavetri come emergenza nazionale, si scomodano i ministri, che la farsa sia con noi. Ipocrita idolatria della "legalità", Legalità con la Maiuscola, legalità placebo di ogni male, in un paese dove si iper-legifera per accontentare ogni lobby e cordata e non vi è norma che non sia in contrasto con mille altre. Questa ex-sinistra ormai sub-destra. Questa cofferateria diffusa. Fa male constatarle ma fa bene dirle, queste cose."

Sì, fa bene dirle. Fa ancora meglio rifletterci sopra. Io non sono spesso d’accordo con varie riflessioni politiche, sociali, dei Wu Ming o di chi scrive su quello stupendo sito di Carmilla (un pò estreme per i miei gusti e opinioni estremamente diversificate e pure mutevoli). La vita troppo spesso ti costringe alla mediazione, al pragmatismo, a accettare una realtà. Ciò non toglie che spesso la realtà di quest’Italia faccia parecchio cacare. I lavavetri emergenza nazionale fa ridere i polli. La prossima cosa sarà, l’emergenza zanzare? Uccidiamo i cani perchè fanno la cacca in mezzo alla strada? E ai problemi di chi è più debole, di quelli che hanno una vita precaria e senza tante speranze per il futuro, tanta gente, mica 4 gatti, chi ci pensa?! Hanno ragione, la gente di questo paese, sulla via di una sempre maggiore ricchezza, di una sempre maggiore esigenza di certezze in un mondo che ne regale ben poche di serie, ormai tende a uniformarsi in un cetomediume che brama solo la sicurezza di sè stesso e dei propri beni e delle proprie effimere certezze, l’arricchirsi sempre di più, la prevaricazione, il riconoscere solo i diritti propri. Non credo ci siano abbastanze energie positive in questo paese per interrompere questa deriva al momento, c’è solo da sperare che compaiano nel futuro. Ha ragione Asor Rosa, che sarà anche un vecchio intellettuale bacucco come qualcuno dice ma qui si perde di vista la priorità delle cose.

Non sputo nel piaggio dove mangio, anch’io tendenzialmente col mio lavoretto abbastanza sicuro (più o meno, prima che l’efficientamento bancario colpisca pure me chissà), la mia automobile, la mia vita beata, faccio parte dello stesso famigerato "ceto medio". Ma spero solo di continuare ad avere qualche barlume di lucidità per continuare a farmi schifare certe cose.

Non posso che chiudere citando Pasolini:

""Non occorre essere forti per affrontare il fascismo nelle sue forme pazzesche e ridicole: occorre essere fortissimi per affrontare il fascismo come normalità, come codificazione, direi allegra, mondana, socialmente eletta, del fondo brutalmente egoista di una società"

Vacanze!

Brevi quest’anno, niente mare ma MONTAGNA nel nostro adorato SudTirol. Base Sterzing, paesino che io reputo strepitoso: tranquillo ma non troppo perchè ci sono negozi, gente, movimento… ma si sta tranquilli e si mangia da dio.

IMGP3621Il primo giorno, una giornata uggiosa così ci facciamo un giretto sui Passi Giovo e Rombo, fino a Soelden in Austria, OetzTal. Ci mangiamo un meraviglioso groestli e torniamo. Che montagne spettacolari!

IMGP3636Il giorno dopo poi, piove ancora, una pioviggine novembrina che però dà un pò di tregua, ciIMGP3645 dedichiamo a una trekking facile in fondovalle alle cascate di Stanghe. Un orrido costruito da un fiume impetuoso che scorre tra pareti di roccia levigate da un’eterna pressione dell’acqua. Bellissimo, con l’atmosfera grigia dev’essere pure meglio. Incredibile il camminamento costruito praticamente sul vuoto della gola. carezze mentre ammiriamo il meraviglioso panorama, quello che più adoro in vita mia: i dintorni del Sassolungo, qui visti appunto da Siusi, lato ovest. Fantastici, tornerei qui tutti i giorni.

IMGP3628Continuano le giornate di pioggia, allora non resta che fare un giretto a Innsbruck.

Piccola capitale del Tirolo, ricca di negozi alcuni di prodotti naturali-biologici molto molto carini. Da ammirare il tetto d’oro, via Maria Teresa, i portici molto carini, la vista dalla torre. Dall’alto si nota il trampolino olimpico, praticamente in città!

IMGP3647IMGP3649 E ridagli con la pioggia….. stavolta si va a Salisburgo, che scopriamo essere abbastanza vicina al confine (un par d’ore). Città molto bella, molto pulita, molto turistica ma con uno spirito ancora molto … asburgico e mitteleuropeo. Mozart domina ovunque, carina la visita alla casa natale, con alcune lettere e spartiti manoscritti (roba da inchinarvisi davanti). Carina anche la gita in funiculare alla fortezza enorme che domina la città

IMGP3662Torna il sole evviva! Ci scappa un bel trekking corto ma impegnativo sul RossKopf, laIMGP3670

montagna di Vipiteno. In mezzo a mucche e pini mughi, arriviamo finalmente in cima dove si nota una vista immensa, dalle cime di Lavaredo fino alle Odle e le montagne di Oetz e in lontananza a sud-ovest Ortles e Cevedale.

IMGP3676Rimane un gran sole, e allora eccoci a fare un gran giro alla nostra amata Seiser Alm!!! Da Siusi saliamo in funivia fino all’altipiano, dove poi camminiamo un pò fino ad andare a magnare voracemente in quell’oasi gastronomica notevolissima che è Rauch Hutte ("Da Fumo"). Mi godo una Weisse Bier che innaffia la migliore frittata mai mangiata in vita mia (allo speck), addolcita in finale da una grandiosa torta alla ricotta.

IMGP3661Ammirando il gatto di casa che adocchia le mie fette di speck, lo consoliamo con 2IMGP3677

A proposito, questo (Alpe di Siusi) sarebbe un luogo meraviglioso per trail e sky running…..

Rieccomi!

Finite le vacanze, uffa. Un bel giro nelle mie amate terre tirolesi, con base Sterzing. Vediamo se mi riesce pubblicare qualche foto. Intanto stamani le montagne sopra Firenze erano coperte dalla neve (sic!), le mani in scooter prudevano e urlavano di freddo. L’inverno si avvicina, le giornate si accorciano… ma guardiamo il lato positivo, la notte si dorme meglio e le zanzare sono quasi scomparse (torneranno ma intanto gli faccio una bella pernacchiona