Il mio “medio”

In ottica maratona classica in pianura ritengo che l’allenamento classico più indicato per la preparazione di tale gara sia il medio: medio non per distanza quanto per ritmo. Io interpreto il medio al ritmo stimato della maratona, o giù di lì. Così mi abituo al ritmo, che le prime volte sarà quasi duro ma poi diventa sempre più facile da sostenere. Il tipico "medio" è comunque di distanza ragguardevole, io in genere lo consiglio dai 14 ai28Km.

Quest’anno, con poco allenamento da pianura, lo sto soffrendo un poco. Ieri ho fatto la distanza classica della mezza maratona, con una brezza tesa e un bel freschetto. Ritmo estremamente costante intorno ai 4’40", con una certa accelerazione nel finale. Alla fine non ci si sente stanchi, quanto un pò spossati e la notte si dorme che è una bellezza.

PS: ne sono uscito però con una bella ammaccatura, in una curva cieca ho beccato un segnale stradale provvisorio, ho dato una botta così forte che ho temuto di essermi lussato una spalla. Sarà stata la grande velocità 😛

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *