Letizia Muratori, “La vita in comune”

Ho acquistato questo libro d’impulso sull’onda delle ottime recensioni di Wu Ming1 e Giuseppe Genna (tra l’altro, 2 esempi di come si dovrebbe fare una buona recensione di un romanzo: vedi link).

Alla fine, non è che le condivida poi molto. In 2 parole, non mi ci sono appassionato a questo romanzo. è una bella storia, un confronto impietoso tra la “famiglia” tradizionale italiana di matrice borghese, apparentemente statica e felice ma che in realtà sotto l’ordinaria amministrazione trasuda veleni, malignità e insofferenza per i grandi dissapori ma anche per insopportabili tic quotidiani; e, diciamo così, un concetto di famiglia più evoluto, più moderno se vogliamo, dove non sono i legami di sangue che contano ma i legami affettivi, le esperienze comuni, i ricordi, la quotidianità. Anche tra persone apparentemente slegate e diverse tra loro. Bella e suggestiva la narrazione a 3 voci dei protagonisti, stilisticamente c’è da dire che l’autrice è molto brava, manca però qualcosa, come se il romanzo non fosse riuscito a pieno. Troppe volte dà l’impressione che certi episodi, certi accadimenti, siano poco funzionali ma appesi, un po’ slegati dal contesto. E certi altri, come il rapporto maturo ma ancorato ai ricordi giovanili tra Isayas e Tina, troppo poco approfonditi, come se in realtà tale relazione si basi su quanto c’è stato prima, e non su quanto c’è ora e quanto si sogna o si pensa ci sarà poi. Insomma, non un libro da dimenticare, ma un libro che da parte mia sarà presto dimenticato, purtroppo. Càpita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *