Boschi, cinghiali, caprioli, ville, pietre insomma trail

3 soli giorni dopo la sfacchianata della magnalonga, eccomi a fare un altro duro allenamento. Partenza dalla villa reale di Castello, la Petraia e salita verso Piazzale Leonardo nel bosco. Arrivo a Poggio al Giro, bella sfacchinata. Discesona verso Paterno nella valle del Carzola, ahia mi si storce una caviglia, fa un poco male sulle pietre. Risalita verso Ceppeto, giornata spettacolare. Gli scoiattoli mi attraversano la strada e fuggono, faccio così paura.

Giunti alla Fonte dei Seppi riscendiamo. Frush frush, il bosco si agita, che animale sarà? "Un cinghiale!" "Macchè, un capriolo!" "Sieh! E’ ma un lupo!" "boia, ma i lupi da quando son marroni? sarà un cane randagio", e si prosegue. Ad una curva davanti, scorgo un cinghialotto. Proprio piccino, marrone chiaro e striature bianche, come quelli che si pappava Obelix. Mi fermo impietrito, se c’è un cucciolo c’è anche la madre, e affrontare mamma cinghiala incacchiata è l’ultima cosa che voglio fare sulla terra. Ci armiamo di sassi ma la mammina non si vede, meglio, il cucciolino prosegue nel folto.

Proseguiamo anche noi, anzi no, altra storta alla solita caviglia, non è giornata, cammino pure in discesa. Viale alberato a metà monte, scorgo 2 figure davanti, un mulo e un cavallo. Passo oltre, due quadrupedi corrono all’impazzata verso di noi: un capriolo con corna, e altro animale simile ma di colore bruno non marroncino. Corrono verso di noi, ma poi si tuffano nel bosco. "Oh, ma che siamo allo zoo?". Stanco morto, mi invento una scorciatoia per scendere più veloce passando da un viottolo sotto la Castellina, si fa quasi sera. Il cielo è sereno, sono stanchissimo dolorante e svuotato, ma cosa si può avere di più?

Traccia GPS http://www.giscover.com/tours/tour/display/5514

Album foto, e altimetria http://picasaweb.google.it/l.magazzini/TrailFiorentino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *