Lasciti euganei

La Traversata dei Colli Euganei mi lascia grande gioia. Per il piazzamento nei primi 50 e il risultato  cronometrico, per la compagnia dei vari spiriti trail, per la bellezza dei luoghi. Ho una vera predilezione per quelle colline che mi ricordano un poco i colli toscani, verdi, coltivati oppure boscosi, colmi di sentieri impegnativi. Forse non così fangosi: non ho memoria di una gara così lunga e così fangosa, dove era difficile correre con leggerezza. I piedi sono quelli che ne sono usciti peggio: oramai ho realizzato che le mie ottime Asics Torana non le reggo, e oltre le 3-4 ore mi producono vesciche e ferite sui talloni. Peccato. Certo queste gare impegnative hanno i loro lasciti: la brillantezza non è al top, alcuni giorni la fiacchezza è compagna. Però ho sempre negli occhi quelle colline svettanti sopra la pianura, e mi rivedo corrervi. E sospiro. Proprio vero che correre dà dipendenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *