82

Ero rimasto al 29 ottobre, con qualche bella descrizione di giri in bici. Passarono un paio di giorni, e decisi di rimettere le scarpette da corsa. Dopo la frattura, quale sarebbe stato il momento giusto per ricominciare minimizzando i rischi? Non lo potevo sapere, mi sono affidato quindi all'istinto. In verità, mi ha aiutato anche una prova: attraversare la strada di corsa per rimanere col verde coi pedoni. 50 metri in cui il piede non dava segni di cedimento. Però, mi dissi, potrei pure provare. E provai! per ricominciare 3 km in piano, qualche giro del paese. Il piede andava bene, non soffrendo per nulla! Il problema era tutto il resto: la bilancia per cominciare, segnando un terrificante 82Kg (anzi, 82,9, lo confesso). Quasi il personal best, che credo risalga alla mia adolescenza di deciso sovrappeso quasi un quarto di secolo fa.
Quindi, che si fa, mi dissi? Piano piano, un passo dopo l'altro, si arriva ovunque: quindi si ricomincia. Mantenendo un pò di nuoto, di palestra, di bici, ricominciai
Dopo poco più di un mesetto, la prima gara non competitiva, per combinazione lungo le strade su cui preparai il Passatore. Poi il clima non ha aiutato a correre, pel freddo o per la neve. Approfittando della grande nevicata che ha bloccato tutta la Toscana, mi sono cimentato un paio di volte nello snow running, disciplina faticosa ma affascinante e in cui riesco anche benino. Qui un breve video girato col mio smartphone.

Ma l'allenamento era poco, e forse l'assenza di sensibili e veloci progressi mi frenava un poco. Anche perchè il peso, come si sa, diminuiva molto, troppo lentamente.
Ad anno nuovo , un paio di gare in pianura, molto simili : roba che ai tempi d'oro correvo a 4'/Km. Prima a Firenze, sul nuovo percorso di allenamento della pausa pranzo (parco delle Cascine), stamane a Campi Bisenzio con ben 15Km (scarsi) e con un deciso miglioramento, specie di sensazioni, rispetto a 10giorni prima. Ho faticato ma alla fine le ho concluse entrambe molto meglio del previsto, a poco meno di 5'/Km. Il peso cala leggermente ma ancora è il vincolo principale a un miglioramento delle prestazioni: aumentare le distanze ad oggi risulta difficile, dovrei provare senza dubbio a mangiare un filo meno. Comunque già 6 anni fa dimagrii molto iniziando un periodo di grandi soddisfazioni: è il momento di rifarlo

Un pensiero su “82”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *