Simil – trail brevi

Giornata soleggiata e il profumo degli alberi di maggio, cosa c'è di meglio per una bella gara trail?!? Era il weekend del Da Piazza a Piazza ma le distanze da percorrere anche camminando erano troppo elevate per le mie giunture, così ho ripiegato su qualcosa di più snello. Aperitivo sabato esplorando le stradine poderali e i sentieri nel boschetto tra Coldaia e Scaffaia, amene località sul margine della Sieve. Domenica, dopo tanti anni, la gara di Vaglia (altro paese nei pressi di casa: che bellezza poter gareggiare senza fare tanti Km in auto!). Come il resto della valle, Vaglia si trova adagiata tra due pendii di montagne belle ripide, e su uno di questi sorge il circolo Angiolo Nardi (un pittore rinascimentale che da questi monti arrivò sino a Madrid) dove parte la gara. Difficile anche trovare parcheggio, se non nei prati..
Per fare Km faccio un ampio riscaldamento, sin troppo duro su queste pendenze. Si parte, pochi ma appassionati di questa che è una vecchia gara alla 34° edizione, un trail ante litteram (solo all'ultimo Km si troverà un assaggio d'asfalto). Partenza vallonata su una vecchia stradina di campagna sassosa, molto molto accidentata tanto che in discesa vado più cauto del solito (o forse avrei dovuto calzare scarpe da trail più rigide).http://www.everytrail.com/swf/widget.swf Si esplora la valle del Carlone, sul pendio del Poggio Selvanera, molto molto aspro. La salita si fa sentire subito, bella ripida. Al 4° Km ristoro ed ecco la salita vera, 1Km al 15% circa tutto in sentiero single track, anche accidentato: stranamente riesco a correre e recupero pure delle posizioni. Molti si fermano a guardare i panorami, che spaziano sul Mugello

Trofeo Scarabone

Nulla in confronto a quelli in vetta al Monte Gennaio, che spaziano dal Monte Maggiore sopra le Croci fino alla Calvana. Si lambisce l'enorme e spettacolare pineta in vetta, piante svettanti da una parte, pratoni dall'altra. Poi appare il retro di Monte Morello, selvaggissimo, mentre a sinistra incombe l'ampio Monte Senario. Si prosegue in questo scenario da favola, frequentato anche da molti biker ardimentosi (siamo a oltre 650mt., 400 sopra il fondovalle)

Domenica successiva, giornata grigia e promettente pioggia. Dopo un anno si torna ad altra gara simil – trail in quel di Leccio di Reggello dove accanto a un grande modernissimo outlet c'è un bosco e una campagna selvaggia, possenti alberi di sequoie, una garetta poco frequentata per cultori del genere. Stavolta ampia rappresentanza dei compagni di squadra con cui affrontiamo il percorso, al 99% su sterrato e con lunghe salite anche se leggere. Ennesima gara bellissima, senza tanti partecipanti ma come si suol dire meglio pochi ma buoni, capaci di apprezzare la bellezza, gli odori e i colori del percorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *