Propositi podistici 2012 (poca roba)

Inizia un nuovo anno podistico. Di cui per ora non mi riesce afferrare il senso, nel senso che non mi riesce pormi degli obiettivi decenti. Sarà anche per questo maledetto problema al tallone: fosse una cosa seria e grave sarebbe meglio perché mi fermerei mi curerei e abbandonerei velleità agonistiche. Invece dà spesso tregua, permette di correre e anche di fare qualche garetta; salvo poi tornare a fare le bizze, non bizze serie ma quel latente senso di fastidio che ti impedisce di allenarti decentemente e costantemente. Per ora mi dedico a trattarlo con la terapia del calore, ben sapendo che probabilmente avrà bisogno di tempo ancora per calmarsi. Vabbè, tanto oramai sono abituato a convivere con doloretti ai tendini, non è poi un così grosso problema. Una abitudine presa sulla mailing lista DRS è quella di fare un bilancio dell’anno podistico trascorso e porsi gli obiettivi per quello nuovo. Un anno fa più o meno avevo l’intenzione di ritornare a correre su gare lunghette, rifare qualche bel trail Ventasso in primis, cercare di rifare degni risultati in gare brevi, abbandonate da troppo tempo. I primi obiettivi raggiunti senza problemi eccessivi, anche con sorpresa: dopo l’incidente al piede pensavo avrei sofferto sulla distanza, invece ho sofferto e soffro la velocità. Quindi ottimo il bellissimo Trail del Falterona, sulla nuova lunga distanza dei 28Km, e finalmente il ritorno al Ventasso, nella meravigliosa capitale del trail running Busana, finalmente in vetta alla croce del Monte omonimo, con tutto l’Appennino sotto di me. Nel frattempo, due simil-trail eccellenti nel paradiso attorno casa, il trofeo Scarabone di Vaglia e la Magnalonga del Mugello sui sentieri fino a Monte Senario. E il ritorno al Passatore, solo fino a Borgo SL per far compagnia al grande Sauro. Mancato l’obiettivo di rifare bene gare brevi: solo qualche prestazione appena decente (tipo Legri).

Quindi, scriviamo un paio di obiettivi raggiungibili per il 2012

–          Stavolta sì devo migliorare nelle gare brevi

–          Rifare almeno un paio di trail: mi piacerebbe fare Fontesanta e il Falterona a giugno, forse il Ventasso a luglio

–          Divertirmi

Nulla di eclatante, lo so. Intanto va in archivio già gennaio, con due garette brevi corse appena appena decentemente. Prima la classica invernale di Palastreto a Sesto F.no, che un tempo odiavo ma che da quando mi sono scoperto trailer ho cominciato a apprezzare alla grande, per i tanti saliscendi e il percorso tortuoso e vario></iframe>

http://connect.garmin.com/activity/142073725

poi tutt’altro genere il Trofeo Martiri di Valibona – non posso che apprezzare una corsa che commemora i partigiani morti sulle mie adorate montagne fiorentine, tutta piana, veloce: andata anche meglio ,segno che a dispetto dei tanti Km di montagna resto e resterò un runner che dà il proprio meglio su pianura e asfalto

http://connect.garmin.com/activity/142073732

Ora si va a sciare una settimana, a febbraio si ricomincia l’allenamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *