Di nuovo in bici!

Visto che approfitto di questa paese rigenerante (per la mente e per il mio tallone) e non corro, almeno ora che è caldo sono riusciuto a rimettere in sesto la bici, gonfiare le gomme, oliare la catena e via. Un paio di belle sedute nel fine settimana, la prima di un’oretta sulle colline tra Petrona e Fagna (zona Scarperia), ieri ben 2h30′ belle toste verso Scarperia, Sant’Agata, Galliano, Bosco ai Frati. Tanto sterrato, sassi, campi, però anche tanto asfalto. Sono arrivato un pò stanco ma poi rimasto cotto tutto il giorno. Subito messo alla prova nella mia specialità, la fuga da pastore maremmano lanciato all’assalto dei miei polpacci (accidenti ai padroni dei cani), meno male almeno in bici la fuga è facile.

Qui il giro di ieri

Certo che il Mugello è veramente un territorio vasto e affascinante: girando per le strade ne cogli solo la metà, quella industrializzata. Girando per stradine e sentieri invece vedi tutto il resto: case coloniche diroccate, prati e campi sterminati, altopiani o valli anguste, boschi, fattorie, queste decine e decine di vallette trasversali che dall’Appennino scivolano giù verso la Sieve , tutte con una stradina sul crinale dove oramai passano quasi solo trattori. C’era una bella luce ieri da sopra Galliano, la primavera sta arrivando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *