Mugello Trail, prima splendida edizione

Vivo in Mugello da 6 anni, avevo cominciato a fare trail da uno e questo mi pareva un territorio enorme da esplorare sul lato podistico, dalle potenzialità notevole. Finora i trail aveva scartato questo territorio, tranne poche splendide gare svoltesi ai margini (Da Piazza a Piazza, Borbotto, Poggiolo). Da trailer sognavo un giorno che qui si svolgesse una bella gara trail, e mi immaginavo le zone da toccare. Poi un giorno trovo un gruppo facebook, e un sito internet, e luce fu. Già dai primi segni si intuivano le grandi potenzialità della gara, fin dalla location, la splendida isolata Badia di Moscheta.
Scartata la durissima prova Ultra di 64Km, mi iscrivo alla 23,5, tosta ma fattibile.
Partenza alle 9, si nota una bella e colorata folla di runner. Si percepisce sempre più la bravura e competenza degli organizzatori, non si nota che è una prima edizione, fin dal controllo materiali obbligatori, molto molto pignolo.
Foto di rito con gli amici, punzonatura briefing e partenza subito in salita, nei primi 5,5 Km c’è metà del dislivello.
Parto in fondo, salgo con calma ma correndo, la pendenza non è tostissima. Boschi di conifere, poi di faggi e castagni, infine si arriva in vetta alla prima montagna. Vista ampia sul crinale, sulle valli circostanti, boschi ovunque. Tutti si fanno delle foto, me compreso. Prima breve discesa estremamente tecnica e ripida, peccato sia così breve. Ristoro a cui mi approvvigiono di cola (siamo in autosufficienza, ho pure lo zaino) e si rientra nel bosco iniziando i numerosi saliscendi su un bellissimo oscuro single track. Le variazioni di ritmo sono continue, si tende a scendere fino ad arrivare al torrente Rovigo, acqua verdissima e pietroni levigati : anche qui, foto a tutto spiano…
Si costeggia il torrente fino al mulino dei Diacci, guado, salitella al secondo ristoro.
Il percorso è tracciatissimo, molto difficile perdersi, tantissimi volontari tutti sorridenti, una manifestazione che ha fatto centro anche tra i locali.Tanti altri saliscendi si susseguono, ci supera il primo dell’Ultra a velocità doppia pur camminando.
Inizia la discesa, prima veloce poi estremamente tecnica e fangosa. Se sui saliscendi recuperavo pochissime posizioni, qui costringo tanti a farmi strada. Molto molto divertente, peccato che manchi ancora tanto all’arrivo.
In fondo alla discesa 2 lunghi guadi sul fiume, attrezzati con corde per non cadere sui pietroni: bellissimo nonostante l’acqua gelata che però raffredda i piedi bollenti.
Iniziano gli ultimi temibili 3Km , interminabili sulle salitelle della Valle dell’Inferno: gli organizzatori impietosi hanno disseminato la zona di citazioni dantesche, che colgono nel segno. Sono bello cotto ma lo sono tutti e recupero comunque delle posizioni. Solo gli ultimi 200m sono su asfalto, taglio il traguardo alla Badia ricevendo sul momento una lattina di birra e la maglia di finisher.
Stupendo, WOW, sono estasiato di tutto, anche del post gara (doccia gelida tonificante inclusa, ma anche il pranzo caldo non era male). I complimenti si sprecano e tutti si riterranno estremamente soddisfatti. Torno a casa con una pazzesca voglia di trail, nonostante il poco allenamento. E orgoglioso che la mia terra adottiva possa offrire al popolo dei trailer una così bella manifestazione.

http://www.everytrail.com/view_trip.php?trip_id=2753757


https://www.facebook.com/media/set/?set=oa.698486010213345&type=1
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.711858145519421.1073741840.649755418396361&type=1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *