Diario di un inverno e una primavera

30 anni passati con la passione viscerale per la corsa lasciano il segno evidentemente. Quanto è che non aggiorno il blog, per tutto l’inverno c’è stato ben poco da dire. I segnali che venivano dal fruttuoso autunno, in cui le prestazioni erano migliorate enormemente, si sono materializzati verso il solstizio d’inverno, con un male al ginocchio destro sordo e fastidioso che non voleva saperne di essere curato. Si scoprirà che c’è un menisco rotto ma ancora non si sa se il problema era quello perché paradossalmente sciando il problema spariva, e perché così come nato il problemino se ne è pure andato da solo – salvo trasferirsi al solito achilleo sinistro, sempre lui che mi tormenta da 15 anni.

Intanto però l’inverno era sparito senza 1Km corso o quasi. E c’era quella iscrizione alla LUT che incombeva.

Che fare? mi domandavo leniniamente. Qualunque persona dotata di senno e raziocinio avrebbe detto  <lascia perdere e riparti con comodo> Ma nonostante io sia un veneratore della razionalità, così tanto e con così tanta bramosia era stata ricercata quella partecipazione che non volevo arrendermi senza nemmeno provarci. Così ai primi di aprile mi segno a una 50Km delle Valli Etrusche, senza il minimo allenamento oltre i 15km, e con l’incognita ginocchio. Incredibilmente, stringendo i denti e soffrendo su alcune salite assai ripide e il primo sole e caldo della primavera, arrivo entro il tempo massimo, e neppure ultimo. E’ una botta di vita, una cosa incredibile, la dimostrazione che non sono così malridotto e che la testa sa reagire. I 60Km dell’UltraTrail Mugello in un tempo neppure malvagio mi confortano: la gara di casa, il miglior trail come organizzazione a cui partecipo, mi dà ancora più fiducia.

E allora mi gioco tutto: la LUT non è così lontana, ma lo è il mio corpo e la mia mente, che la percepisce fuori portata. E allora per studiare la sensazione di correre una notte intera e per dare un salutare trauma, mi cimento nel Passatore. 9 anni dopo la mia unica volta a Faenza, quella mitica che mi regalò forse le emozioni più belle da quando corro.

E decisamente l’ho sottovalutato, pensavo che camminando per lunghissimi tratti sarebbe stato semplice, invece col caldo che ha fatto – mi son tolto la canotta alle 3.30 di notte – siamo arrivati in tanti a metà ormai consumati, e io non più abituato all’asfalto e abituato a camminare ma solo off road ho sofferto veramente tantissimo ai piedi, al traguardo strapieni di vesciche e duroni, con le unghie massacrate. Ma muscolarmente bene, almeno quello. Ho sofferto davvero tanto, ma di una sofferenza genuina , pura, rigenerante, che ti dà consapevolezza, tanto poi il cervello provvede a dimenticarla. Il tempo è indecente (15h54′) ma i problemi grossi alla fine son stati solo i piedi. E dopo pochi giorni ero di nuovo pronto a ricorrere, ed eccomi quindi alla skyrace di casa a Covigliaio, solo 6 giorni dopo la fine del Passatore. Aggiungere stanchezza alla stanchezza non sarà stato saggio ma sentivo troppo la necessità di mettere toppe alla preparazione più raffazzonata della storia. E in fondo correre da stanchi è pur sempre  un buon allenamento.

Dulcis in fundo, non potevo mancare al trail cui sono più affezionato, il Falterona a Stia che poi è campionato italiano. Anni fa ero uno dei pochi alla prima edizione, stavolta “capitano” di un corposo team di 32 atleti sui 2 percorsi. 36,5Km e 1800m di dislivello, lo finisco anche benino e in spinta nonostante i soliti problemi all’achilleo. La festa dopo la gara col mio team alle premiazioni dice che ne è valsa la pena

Ormai la preparazione è finita, la mente è pervasa di sano timore reverenziale per la LUT che incombe tra 10 giorni come un macigno, come fosse un esame scolastico di quelli tremendi. So di non avere le armi per affrontarla a dovere, ma anche di avere la testa per potermela giocare. So che serviranno 2 notti per arrivare, ma alle 5.00 del 24 giugno, ormai l’alba, dovrò essere a Cortina. Crisi permettendo, ma aver rincorso i kilometri in questi mesi senza preparazione mi ha paradossalmente predisposto, almeno mentalmente, a affrontare distanze più grandi di me e sofferenze fisiche e mentali non da poco.

Oramai restano da curare solo pochi dettagli, e penso alla gara, 120 Km da affrontare con raziocinio e saggezza nella primissima parte, e completamente guidato dalle sensazioni nei successivi 2/3. Non sarà facile, per niente, ma quello che conta è che sarà bellissimo, durissimo e faticosissimo ma meraviglioso. Non sogno l’arrivo, per ora mi limito a sognare la seconda notte, a temere le lunghe salite finali di Travenazes Averau e Giau, a fantasticare sul riuscire a correre per la prima volta attorno alle 3 cime di Lavaredo. Sogno quei giorni di vacanza col mio team, sperando di poter tutti assieme stemperare la tensione: 2 anni fa fu una esperienza bellissima 

Sogno i primi di Km di quella prima notte, un serpentone di luci, di sognatori, di amanti della montagna e dello sport.

Sogno il via, soprattutto, una fiumana di folla che parte verso la notte con le note di Morricone ad esaltarci. Ho timore, ma non vedo l’ora. Sarà massacrante: ma sarà indimenticabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *